C'è stato un sogno, una volta, che era Roma. Si poteva soltanto sussurrarlo. Era cosí fragile. ... sarà realizzato!     [Marco Aurelio, in Il Gladiatore, di Ridley Scott]

1 regalo puoi desiderarlo, nn pretenderlo

01 settembre 2013 alle 14:39

Mi stai sorridendo ed io ti trovo bellissima. Il tuo è 1 graditissimo regalo ed io ti ringrazio.

Mi stai baciando, sento la dolcezza delle tue labbra, il tocco della tua lingua ed il sapore della tua saliva. Regali che mi hai già dato, ma ke continuo a desiderare, come se nn li avessi mai avuti. Grazie anke x questi.

Mi stai accarezzando, sento la tua mano sulla mia skiena, sento le tue dita sottili, sento le tur unghia ke mi solleticano. Ancora, ti prego. Di nuovo sento di aver ricevuto tuoi doni.

Doni. Nn doveri. Dati x voglia, nn x contratto.

Nn mi interessa a ki li hai dati in passato (sxo li abbiano apprezzati).

Nn mi interessa a ki li darai domani (e li invidio).

Nn mi interessa se oggi li dai anke ad altri, oltre me.

Vivo il presente e ti ringrazio x il fatto ke me li dai.

Vivo il presente. 1 regalo è 1 regalo. Va detto grazie e nient’altro. Ness1a pretesa, ness1 impegno.

6 libera di dare i tuoi regali a ki vuoi ed io ti ringrazio x ciò ke vuoi dare a me. Ti ringrazio incondizionatamente.

TAG: pensieri

Un Commento

  1. Mariangela ha scritto il alle :

    🙂

Lascia un commento