C'è stato un sogno, una volta, che era Roma. Si poteva soltanto sussurrarlo. Era cosí fragile. ... sarà realizzato!     [Marco Aurelio, in Il Gladiatore, di Ridley Scott]

Andare controcorrente quando serve

19 Novembre 2013 alle 08:51

Senza fare il bastian contrario di default, penso ke si debba avere il coraggio di andare contro corrente quanto serve e serve quasi sempre ūüôā

C’√® molta resistenza, nella societ√†, a ki esterna opinioni diverse dal pensiero comune, ma io penso ke proprio queste xsone offrano spesso 1 modo di aprirsi mentalmente verso altre concezioni della vita.

Cos√¨, √® importante ke se la penso in modo molto atipico su 1 certo aspetto della vita o delle professioni, io dica ttto ci√≤. Offrire agli altri 1a visione fuori dal comune √® utile, anke se nn si riceve l’approvazione.

Avere il coraggio di manifestare ciò ke si pensa porta vantaggi alla com1ità ed a sé stessi.

Ovvio, bisogna farlo in modo responsabile, tentando di acquisire cognizioni di causa sul tema, evitando di sproloquiare. Fosse anke solo x evitare il tempo xso e il “consumo di banda” ūüėÄ

Allo stesso modo, esprimere la propria divergente opinione nn deve significare ostinato tentativo di convincere gli altri. Dire, aggiungere “io penso” e punto!

X√≤, s√¨, c’√® 1 x√≤ ūüôā

Tu, mondo ke ascolti, sappi ke andar contro corrente √® veramente difficile e x assurdo serve + a te ke al “controcorrentista”. Fai il piacere di nn annikilire ki si prende la briga di manifestarti la sua opinione. Nn deriderlo, nn giudicarlo, nn escluderlo, nn dare x scontato ke abbia torto solo xk√© √® solo.

La storia √® piena di “controcorrentisti” ke poi si dimostr√≤ avessero ragione e l’umanit√† √® spesso andata avanti proprio x il loro contributo.

TAG: Francesco

Lascia un commento