C'è stato un sogno, una volta, che era Roma. Si poteva soltanto sussurrarlo. Era cosí fragile. ... sarà realizzato!     [Marco Aurelio, in Il Gladiatore, di Ridley Scott]

Un pezzo di vita a Newport, nel Rhode Island

21 Novembre 2021 alle 16:15

Bellevue Avenue, a Newport, nel Rhode Island.

Sono qui, in questo bar, si chiama Empire Tea Coffee, e sento la forza di questa nazione, un popolo che ha fortemente voluto cambiare il proprio futuro e c’è riuscito.

Penso a quante persone, disperate, a volte speranzose, a volte solo con voglia di scoprire il nuovo, lasciarono le loro terre, tre secoli fa, per venire da questa parte dell’oceano a cercar un nuovo mondo.

Questa Energia, questa Luce, questo stimolo al movimento lo sento ancora, tutto attorno a me, in questi miei primi giorni a Newport, nel Rhode Island, stato degli USA che si affaccia sull’Oceano Atlantico, dall’altra parte dell’Europa.

Viaggiare mi piace, ho vissuto in molti luoghi nelle mie vite passate, ma anche in questa ho girato. Se da una parte mi spiace lasciare i miei cari in Italia, dall’altra lo stimolo alla nuova conoscenza è sempre fortissimo, al punto anche da farmi superare qualche disaggio che inevitabilmente si ha quando ci si sposta.

All’arrivo una hostess in aereo mi ha fatto i complimenti per il mio cappello, la borsa, gli scarponi e la cintura che secondo lei si abbinavano bene. È una cosa banale, lo so, ma ti fa sentire a casa ed accolto. … e quell’emozione positiva continua ancora, ovunque vedo persone che mi sorridono.

Ieri al ristorante dove mangiavo, al banco, varie donne mi hanno sorriso con un cenno di saluto. Forse è normale al banco, ma resta comunque una cosa che ti fa stare bene.

Ora qui, seduto al tavolo intanto che scrivo, attorno a me molte persone entrano, chiacchierano, bevono, comprano colazioni da portarsi a casa.

Tutto è informale, cavi elettrici collegati al volo, strumenti di lavoro buttati in un angolo, qualche briciola qua e là, pare che ci sia molta disattenzione, ma ad uno sguardo più attento alle persone può facilmente comprendere come in realtà il tutto sia giustificato da un forte loro interesse più alla sostanza che all’apparenza.

L’essere un popolo nuovo ha questo vantaggio, che non si dà importanza a schemi vecchi, giusto o sbagliato che sia.

(… e proprio ora è venuta una donna a chiedermi se sono una star!…)

Ora chiudo con questo post, a fine viaggio ve ne pubblicherò uno con un po’ di foto, per ora accontentatevi di questa.

TAG:

Lascia un commento