C'è stato un sogno, una volta, che era Roma. Si poteva soltanto sussurrarlo. Era cosí fragile. ... sarà realizzato!     [Marco Aurelio, in Il Gladiatore, di Ridley Scott]

Parliamo di Portali?

11 settembre 2016 alle 19:44

Un Portale è una monumentale porta tra due ambienti, a volte tra l’esterno di un contesto ed il suo interno stesso. In pratica, un accesso.

Al di là della definizione e della “bella parola”, un Portale è una porta 🙂

A seconda del pensiero filosofico, della religione o della “scienza”, un Portale può essere il passaggio tra due universi paralleli, tra due dimensioni, tra punti diversi del medesimo universo, tra punti diversi del tempo, ecc.

Nell’ambito olistico, molti vedono il Portale come un canale di comunicazione tra la persona e l’Universo, tra la personalità e l’anima, tra il terreno e la divinità, ecc.

Quindi, in realtà, solo il proprio sentire può definire cosa voglia dire Portale. Nessuno può dire a nessuno con certezza cosa sia un Portale, tanto meno io.

Per quanto mi riguarda, comunque, Portale è il canale di comunicazione tra me e l’Uno. Dove sta il Portale? Dove si preferisci immaginarlo ed io lo immagino come Cuore.

Come si accede al Portale? Volendolo fare, basta l’Intenzione. Potremmo in altri termini dire che Apriamo il Cuore (accediamo al portale) volendolo fare. Certo, potrebbe non bastare l’Intenzione, ma se l’Intenzione non c’è, il resto serve a poco. Non servono mantra, preghiere, esercizi, se non c’è l’Intenzione.

Nella mia visione di Portale, ciò che inviamo tramite il Portale sono Vibrazioni e ciò che ne riceviamo sono cose, fatti, persone o vibrazioni in qualche modo in sintonia con le nostre.

Quindi, non dobbiamo mandare pensieri, ma dobbiamo essere. Essendo, vibriamo e vibrando l’Universo riceve e ci risponde con elementi in sintonia.

Sempre nella mia visione, le Vibrazioni che inviamo tramite il Portale vengono raccolte dall’Universo se sono attinenti all’Amore Incondizionato. Non parlo, quindi, di fidanzati, di lavoro, di case, di famiglia, di benessere economico. Può essere che quelle vibrazioni ottengano una risposta, ma non sta nella mia definizione di Portale.

A questo punto, concludo con le date. Per molti un Portale è automaticamente aperto a certe date, esempio il numero del giorno corrispondente al mese, agli equinozi, alle notti di luna nuova o piena, al cambio di segno zodiacale, ecc.

Per quanto mi riguarda, un Portale chi è capace lo apre quando vuole 🙂

Non ho la pretesa di avervi detto tutto, ci si potrebbero scrivere libri interi, questo è solo un accenno, a voi approfondire con le opportune ricerche.

Lascia un commento