C'è stato un sogno, una volta, che era Roma. Si poteva soltanto sussurrarlo. Era cosí fragile. ... sarà realizzato!     [Marco Aurelio, in Il Gladiatore, di Ridley Scott]

Il bisogno rikiama + dell’oggetto desiderato

07 giugno 2014 alle 07:55

Mi viene fatta spesso la domanda “Ma perché io continuo a pensare alla nuova casa e l’Universo non mi aiuta?” (la casa è solo un esempio) e dietro la stessa io colgo l’inizio del dubbio ke la Legge dell’Attrazione (LdA) possa nn funzionare.

Poi approfondendo la cosa, scopro sempre 1 fortissimo bisogno di ciò ke si sta desiderando. Casa, partner, vacanza, lavoro, ecc.

Purtroppo la causa del mancato funzionamento della LdA è proprio questo, il bisogno, anzi, in realtà la LdA sta funzionando xfettamente, anke troppo, solo ke nn va nella direzione ke noi vorremmo, ma in 1a diversa, ke nn ci piace. Il tutto, senza renderci conto ke inconsapevolmente siamo noi gli autori di ciò.

Cosa sta succedendo?

Semplicissimo 🙂
Seguitemi e sono convinto ke lo capirete da voi 🙂

L’Universo legge in noi, mente e cuore, Inconscio e Conscio, liste di desideri su carta, emozioni interne. Ma nn ttto vale allo stesso modo, ai suoi “okki”.

Il pensiero vale + delle frasi scritte, ad esempio.

Le emozioni valgono + dei pensieri.

Ciò ke è inconscio, vale + di ciò ke è conscio.

Se voi desiderate qualcosa di cui avete forte bisogno, nel senso ke voi ne sentite il bisogno (ke ci sia realmente bisogno o no, poco importa), voi provate 1a fortissima sensazione, quella del bisogno in sé.

Riflettete con me 🙂

Il bisogno è 1a emozione fortissima, è inconscia, incontrollabile. In pratica, è al massimo livello di quelle ke potremmo definire “performance”. La sua capacità di Attrazione è altissima, veramente al top.

Così, il ridicolo è ke voi avendo bisogno di 1 oggetto, vi state concentrando + sul bisogno ke sull’oggetto. A voi pare di essere focalizzati sull’oggetto, ma il vostro interiore è fortemente orientato al bisogno, ke oltre ttto è 1’emozione e nn 1 pensiero.

Morale della favoletta?

L’Universo vi darà il bisogno 😛

E dato ke vi ama e sente ke voi avete tanto bisogno, ve ne darà tanto, xké in fondo questo è ciò ke voi gli state kiedendo. E dato ke vuol darvi il bisogno, nn vi può dare l’oggetto desiderato, ke farebbe diminuire il vostro bisogno.

Ecco spiegato il mistero 🙂

Come se ne esce?

Questo è difficile, ma si può fare 🙂

Dobbiamo nn avere bisogno di ciò ke desideriamo. Dobbiamo valutare ciò ke abbiamo al momento, vederne gli aspetti positivi, comprendere quanto questo sia già 1 dono, capire ke gli altri hanno quasi sempre molto -, dobbiamo smettere di confrontarci con ki ci sta vicino e allargare i nostri orizzonti all’intero pianeta, x vedere ke tante xsone nn hanno ciò ke noi riteniamo scontato.

Dobbiamo ringraziare x ciò ke abbiamo e farlo di cuore, credendoci, con la consapevolezza ke in fondo stiamo bene, ke potremmo andare avanti così ttta la vita e saremmo com1que dei privilegiati.

Questo è il punto di partenza sul quale dobbiamo focalizzarci. Solo quando arriviamo a nn avere + bisogno dell’oggetto in questione, possiamo cominciare a pensare all’oggetto stesso, ke a questo punto arriverà 🙂

E ricordiamo sempre 1 aspetto fondamentale. Le liste dei desideri servono a noi, x focalizzarci, nn all’Universo, ke invece legge dentro di noi. Quindi è il nostro stato interno a contare, nn ciò ke scriviamo, se diverge 🙂

Ci proviamo? 🙂 🙂 🙂

2 Commenti

  1. sonia ha scritto il alle :

    Ciao, bello quello che hai scritto.
    Io mi aggrego con questo episodio:

    Premessa:
    e’ da poco che mi sono avvicinata a questo modo di vedere noi stessi e cio’ che c’e’e intorno a noi ( forse non ho usato i termini piu’ corretti, ma e’ per semplificare ;

    Dunque:
    una persona a me vicina si trova senza lavoro e chiede il mio aiuto, io non posso sempre aiutarla e quindi un giorno riassumo in me i seguenti concetti:
    – LDA dovrebbe funzionare se ci si crede;
    – noi possiamo avere ciò di cui abbiamo bisogno;
    – non porteremo mai croci piu’ pesanti di quelle che possiamo portare ( ne io ne questa persona);
    – nel film “Paecefull warrior” dicono che si deve agire e non reagire;
    – “..potrei continuare con altre piccole frasi…” ma voglio arrivare al dunque, quindi:
    – mi attivo e l’aiuto nel solo modo che conosco e con il quale aiuterei me stessa;
    – mi concentro sul fatto che serve un lavoro a quella persona e ringrazio l’universo per questa prova che mi ha messo difronte;
    – so che arriverà, non mi interessa quando, perchè so che quel lavoro è lì;
    – non mi importava il tempo che passava, ovvio la mente qualche volta mi portava a pensare ” e se….”, ma io ho voluto credere e aspettare;

    2 settimane dopo questa persona e’ stata contattata non da 1 , ma bensì 5 persone per offrirle lavoro e fra qualche giorno ricomincia a lavorare.

    Ora non mi interessa se e per quanto durerà, ma mi e’ molto piaciuto come mi sono sentita e quello a cui ho pensato in quel momento:

    – la LDA funziona;
    – ok non ha fatto tutto lei, ma se stavamo tutti in panciolle… 😉
    – non ho esultato, ma mi sono sentita piena di felicità in quel momento.

    Quindi per me funziona che ci crediamo o no, ovvio con vibrazioni diverse e cmq mai niente arriva se non e’ destinato a noi, ma e’ solo un nostro bisogno.

  2. Francesco ha scritto il alle :

    Ciao Sonia, grazie tante per la bellissima testimonianza 🙂 🙂 🙂

Lascia un commento