C'è stato un sogno, una volta, che era Roma. Si poteva soltanto sussurrarlo. Era cosí fragile. ... sarà realizzato!     [Marco Aurelio, in Il Gladiatore, di Ridley Scott]

La LdA nn è 1 filtro d’amore

09 maggio 2014 alle 20:17

Mia opinione. Iniziamo 🙂

Prima cosa, fondamentale, tu secondo la Legge dell’Attrazione (LdA) puoi chiamare a te solo e soltanto cose, emozioni, eventi ke riguardino te e nn hai modo di influire sulle azioni, pensieri e desideri degli altri.

Tanto x essere chiari, chi1que sia il soggetto e in qual1que modo tu sia collegata ad egli, tu puoi pensare quanto intensamente vuoi, nn potrai ottenere ke lui faccia qualcosa, né innamorarsi, né cambiare, né mantenere il suo amore x te.

La LdA nn ti consente, in pratica, di manipolare vita, pensieri e azioni di 1’altra persona, in ness1 modo.

Invece tu puoi lavorare su te stessa, se ritieni ke questo possa essere utile al tuo rapporto.

Supponiamo, tanto x fare 1 esempio, ke il tuo partner ti contesti il fatto ke tu al mattino sia sempre arrabbiata e senza motivo e supponiamo ke tu sostanzialmente gli dia ragione, ma nn riesci ad essere serena al mattino. Ecco, la LdA dice ke l’Universo potrebbe aiutarti a diventare serena al mattino e questo di riflesso ti aiuterebbe nel tuo rapporto, ma nn xké sia cambiato lui, xké 6 cambiata tu. Ovviamente è solo 1 esempio.

Facciamone 1 altro, + pratico e + frequente.

Supponiamo ke il tuo partner abbia voglia di far spesso sesso e tu x vari motivi no, ma saresti sostanzialmente d’accordo sul fatto di aumentare la frequenza. Ecco, l’Universo coi pensieri giusti può aiutarti ad aumentare il tuo desiderio, ma mai potrebbe aiutarti a far scendere il suo.

Ecc. ecc. 🙂

Troppo spesso l’errore le si fa è confondere il richiamo di denaro con il richiamo di pensieri ed azioni di 1’altra persona, ke x l’Universo sono cose molto diverse.

Terzo esempio.

Se il tuo partner si invaghisce di 1’altra, tu nn puoi fare nulla né su lui, né sull’altra.
Invece, tu puoi lavorare su te pensando ad 1a te + attraente, + sexy, + magra, ecc. ecc.
Ovvio, ancora 1a volta è solo 1 esempio.

Il punto fondamentale è ke secondo molte filosofie e religioni la cura dei problemi si ha lavorando su di sé, mai sugli altri, e la LdA è perfettamente coerente con ciò.

Ovviamente io però aggiungerei 1a cosa come Francesco, opinione personale.
Io voglio sempre essere me stesso, anke negli errori e nn so se vorrei cambiare x piacere di + a qualc1, sempre come esempio. X assurdo l’Universo potrebbe accontentarmi, ma poi io mi piacerei? Come faccio a saperlo prima?

Io penso, anke se sembra strano, ke l’Universo nn andrebbe chiamato in questioni di amore, bisognerebbe ke le cose seguissero il loro percorso, fissato dalla nostra anima prima di incarnarci. Altrimenti riskiamo di giocare contro la nostra stessa anima.

Io dovrei, + ke altro, kiedere all’Universo di farmi incontrare 1a xsona in linea col mio carattere (e viceversa) x evitare sul nascere questi problemi di incompatibilità.

Invece spesso noi ci ostiniamo su 1a nostra idea, impedendo di fatto all’Universo di aiutarci.

Lascia un commento