C'è stato un sogno, una volta, che era Roma. Si poteva soltanto sussurrarlo. Era cosí fragile. ... sarà realizzato!     [Marco Aurelio, in Il Gladiatore, di Ridley Scott]

Kiedi alla mia parte maskile, a quella femminile o alla somma delle 2?

31 dicembre 2013 alle 09:37

Ogn1 di noi ha 1a parte maskile ed 1a femminile, cambia solo il rapporto tra loro. Le anime nn hanno sesso, qualke volta ci incarniamo in 1 uomo, altre volta in 1a donna.

Tu ora mi poni 1a domanda, e mi piacerebbe comprendere a quale delle mie parti la stai facendo, xké ovviamente la risposta sarà diversa. E diversa ancora sarà la risposta se a dartela sono le 2 parti assieme.

Mi hai kiesto “Tu al mio posto ke faresti?” ed ecco le mie 3 risposte.

La mia parte maskile risponderebbe “Divertiti e basta, fregatene di ttto il resto, ogni lasciata è xsa!

La mia parte femminile ti direbbe “Se pensi ke lui ti stia comunque trattando bene e se ti va, fallo, magari facendo in modo ke serva a qualcosa.

La risposta delle due parti sommate è “Nn pensare a ieri e nn pensare a domani. Pensa solo se in questo momento ti va e fai ciò ke realmente ti senti.

Così, ogni volta ke ci poniamo 1a domanda o qualc1 ce la pone, dovremmo sempre kiederci quale parte di noi sta rispondendo. Dovremmo… beh, magari nn è obbligatorio kiederselo ogni volta, ma la consapevolezza di ki stia rispondendo, è tra i fattori ke + contribuiscono al raggiungimento di atteggiamenti equilibrati.

Allo stesso modo, quando poniamo 1a domanda, dovremmo sempre stabilire a ki la stiamo ponendo e renderlo kiaro alla xsona destinataria.

Troppe incomprensioni nascono dal fatto ke poniamo la nostra domanda ad 1a parte e ci risponde l’altra.

Questo ci aiuta anke a prendere coscienza dell’altra parte ke c’è in noi, ke spesso ignoriamo e di cui nn abbiamo neppure consapevolezza. 1 vero peccato, oltre ke 1 torto a noi stessi. Noi nn abbiamo sesso, come anime, lo hanno solo i nostri  corpi.

Gelosie, omofobie, distinzioni, falsi miti e incomprensioni tendono a ridursi notevolmente, raggiungendo la consapevolezza della nostra doppia parte maskile/femminile.

TAG: anima

Lascia un commento