C'è stato un sogno, una volta, che era Roma. Si poteva soltanto sussurrarlo. Era cosí fragile. ... sarà realizzato!     [Marco Aurelio, in Il Gladiatore, di Ridley Scott]

Nn sono mai gli altri a crearci problemi, siamo noi a farlo :)

27 dicembre 2013 alle 00:36

Io xsonalmente la penso così e so ke questa idea da molti nn è condivisa.

Quando abbiamo 1 problema, di qual1que tipo, nn dovremmo dare la colpa ad altri, il problema ce lo siamo voluto noi.

Lo so, pare eccessivo, ma ho i motivi x ragionare così.

Faccio qualche considerazione in ordine sparso, x spiegarmi meglio 🙂

Quando qualc1 ci crea 1 problema, spesso siamo stati noi a consentirgli di crearcelo. Ad esempio dando fiducia, x nostra disattenzione o anke solo xké abbiamo 1 carattere x il quale viene facile creare 1 problema proprio a noi.

I bulli fanno i bulli solo coi deboli, sempre, quindi il debole i guai se li sta cercando, anke se inconsapevolmente.

Salute? Si potrebbe parlare a lungo delle relazioni tra i nostri processi mentali e le malattie. Nn dico tutte, ma la maggior parte delle malattie e disfunzioni ce le cerkiamo. Basti pensare a come mangiamo male (e troppo), agli ambienti in cui viviamo, all’aria ke respiriamo (e ce la siamo scelta noi), a come ci vestiamo, a come guidiamo, a come fumiamo, a come beviamo.

Anke x quelle malattie x si potrebbero imputare a fattori totalmente esterni, sapete ke io credo ke la nostra anima abbia pianificato il destino della vita terrena, anke scegliendosi le malattie gravi. Quindi ancora 1a volta, è scelta nostra.

È ovviamente lo stesso discorso vale x qual1que altro grave problema, anke nn legato alla salute.

Ad esempio, se siamo poveri, nn è casuale. La nostra anima ha scelto di nascere in 1 certo contesto. Poteva decidere diversamente e nn l’ha fatto. Evidentemente l’attuale condizione gli serviva x qualcosa da imparare o x riequilibrare 1 karma negativo.

Ttto ciò nn deve significare ke dobbiamo accettare ogni cosa senza far nulla. Scegliendo 1 problema, la nostra anima nn stava scegliendo di soffrire senza motivo, ma x imparare 1a lezione. Quindi noi dobbiamo reagire, nel modo giusto.

Col mio discorso, quindi, nn voglio incitare all’apatia o alla rassegnazione inerte, ma alla serenità ed alla consapevolezza ke ttto è motivato da noi, x 1 fine.

Lo so ke nn è facile e questa pagina la sto scrivendo sul mio diario anke x ricordarlo a me stesso 🙂

Lascia un commento