C'è stato un sogno, una volta, che era Roma. Si poteva soltanto sussurrarlo. Era cosí fragile. ... sarà realizzato!     [Marco Aurelio, in Il Gladiatore, di Ridley Scott]

Nn allontaniamo i nostri figli dal loro xcorso

28 novembre 2013 alle 09:07

Ieri scrivevo ke Da neonati sappiamo di + ke da adulti, poi dimentikiamo, oggi vorrei affrontare il tema visto dalla parte di 1 genitore.

Credo molto a quello ke ho scritto ieri, immedesimato nella parte del neonato e figlio. Come tale, sxerei di mantenere + a lungo possibile le reminescenze delle mie vite passate e mi piacerebbe ke ki mi ama mi aiutasse in ciò 🙂

Come padre, quindi, nn vorrei essere da – x i miei figli. Nn vorrei mai essere io a distrarli da quello ke sono, dal loro destino e dalle loro aspirazioni spirituali e di vita.

Così penso ke 1 padre nn dovrebbe mai influire sui figli in modo da “inserirli” nella società, dato ke questo equivale a far loro “dimenticare”.

Belle maniere, skemi lavorativi, carriera, religioni, consuetudini sociali e familiari sono ttte strutture umane, fisike, terrene, ke poco hanno a ke vedere con l’esistenza dell’anima.

Guardo i miei figli crescere ed intervengo poco o nulla. Mi limito a qualke rara osservazione, niente punizioni e castighi, ness1 indirizzo scolastico o lavorativo, rispondo sempre a ttte le loro domande, insegno loro solo a essere indipendenti, autonomi, a usar la loro testa e a nn credere solo xké si usa.

Nn voglio distrarli. Loro sanno meglio di me qual è la strada migliore x loro stessi.

TAG: anima

Lascia un commento