C'è stato un sogno, una volta, che era Roma. Si poteva soltanto sussurrarlo. Era cosí fragile. ... sarà realizzato!     [Marco Aurelio, in Il Gladiatore, di Ridley Scott]

La scrittura può essere meditazione?

23 settembre 2013 alle 08:03

Detto ke le spiegazioni ke si danno del termine meditazione sono diverse, io mi riferisco a quella ke la definisce come xiodo di tempo mentalmentalmente dedicato al pensiero concentrato su 1 specifico argomento.

Quando scrivo 1 post x il mio diario xsonale, il blog www.fradefra.com, inizio da 1 titolo ke ho registrato in 1 elenco o ke ho appena immaginato, continuando senza interruzione con la scrittura dei miei pensieri.

Spesso ho solo 1a vaga traccia e la mia “penna” riporta fedelmente i miei pensieri, nelle stesse forme e successioni cui xvengono alla parte conscia della mia mente.

Solitamente si tratta di mezz’ora intensa in cui nn penso a null’altro, estremamente concentrato, potrebbe passare la + bella delle ragazze ed io nn la vedrei 😀

Segue, sempre, la rilettura di quanto ho scritto, in cui correggo gli eventuali errori ortografici e rare volte quelli di forma.

Nn cambio mai il costrutto dello scritto. Mai o quasi mai, ma sarei tendente a dire mai.

Ecco. Proprio questo mi fa considerare ttto ciò 1a forma mia particolare di meditazione. Nn casualmente, durante queste fasi di scrittura mi accorgo ke, partito da 1 concetto iniziale appena accennato, mi ritrovo con pensieri formalizzati, ordinati e + kiari a me stesso. In pratica, sto prendendo coscienza e consapevolezza del mio credo interiore.

Se nn è meditazione questa 🙂

Lascia un commento