C'è stato un sogno, una volta, che era Roma. Si poteva soltanto sussurrarlo. Era cosí fragile. ... sarà realizzato!     [Marco Aurelio, in Il Gladiatore, di Ridley Scott]

Archivio novembre 2010

…già, grazie per aver scelto me come tuo genitore, decidendo di venire su questo mondo, poco più di un mese fa. Dicono che ogni 7 anni la vita di ogni persona subisce dei cambiamenti e tappe evolutive e non casualmente, forse, sei arrivato proprio ai miei 49. Beh, non so se sia vero o no, […]

Ventimila anni prima suo padre l’aveva mandata su quel pianeta ad assistere quella razza appena creata. Nei millenni successivi, lei aveva guidato l’evoluzione degli Uomini, così loro s’erano chiamati, sempre come compagna nell’ombra di un maschio di potere. Purtroppo al momento le cose andavano male, i popoli ellenici, egizi e persiani si erano disgregati, le […]

L’altro giorno Daniele mi ha chiesto se gli compravo un coltello sashimi. Daniele, non è un po’ presto? – gli ho risposto Stamattina, erano le 5.30, stava tentando di divincolarsi dalle braccia di Mariangela, come per andar da qualche parte. Daniele, non è un po’ presto per andar via di casa? – gli ho detto […]

L’aria è torrida e appiccicosa. Una corrente calda mi passa sulla pelle ricordandomi che i Tropici sono famosi per questa sensazione di Forza. Dopo anni che ci vivi, ti abitui all’abito di lino coloniale sempre attaccato addosso e la camicia che sembra una gabbia. Ti abitui e poi ti piace. È strano come l’aver vissuto […]

Ciao Forty, da qualche giorno volevo scriverti questa lettera, ma, sai com’è la mia vita, non riuscivo a trovare la calma necessaria a rispondere alla tua domanda sul perchè ultimamente io non abbia voglia di uscire con te. Forse la cosa migliore sarebbe stata parlarne a voce con te, ma avremmo finito per litigare ed […]

Lei ha un viso strano, le gote sono troppo rosse e la maschera è sollevata sui capelli. Indossa una gonna di un pesante panno verde e, seduta su una sedia con lo schienale davanti invece che dietro, ha una gamba scoperta per il fatto che l’ha protesa troppo in fuori. La luce è molto strana, […]

Ciao, Francesco – mi disse semplicemente e con un sorriso se ne andò. Qualcosa dentro di me si agitò violentemente e dovetti fare uno sforzo tremendo per non gridare il suo nome chiedendogli di fermarsi. Avrei voluto trattenerlo vicino a me ancora per un po’, forse per sempre. Vedevo le sue spalle allontanarsi ed immaginavo […]