C'è stato un sogno, una volta, che era Roma. Si poteva soltanto sussurrarlo. Era cosí fragile. ... sarà realizzato!     [Marco Aurelio, in Il Gladiatore, di Ridley Scott]

Uno dei più emozionanti viaggi che io abbia fatto, a Luxor, in quella che fu l'antica Tebe, la città dalle cento porte (che in realtà erano sette).

Qualche anno dopo scrissi questo Ultima dimora.

Ultima dimora

19 ottobre 2010 alle 07:33

Non è possibile.

Non è possibile che un panorama abbia solo due colori. Un dirompente blu, interrotto solo dalla linea dell’orizzonte, ed il sabbia intenso delle montagne e di ogni cosa che non sia il cielo.

La Valle è silenziosa ed assolata. Ogni trenta passi un’ombra scura, unica variazione al tema a due colori, lascia intravedere una scala che scende nel cuore della montagna.

Questa Valle è la casa dei Re.

Lontana, sul lato occidentale della riva del lungo fiume che taglia il deserto, nella Valle tutto è come ieri, tutto è come 1.000 anni fa, tutto è come 3.000 anni fa.

Un trenino a scoppio quasi si vergogna di passare e basso basso tossisce con discrezione, quasi con pudore.

I Re si sentono. Pare di vederli.

Nella discesa verso la millenaria dimora dell’Uomo, sulle mura le sue gesta colorate raccontano i suoi timori ed i suoi peccati.

Non vorresti più uscire.

Un bimbo piange. Karnak ci aspetta sull’altro versante.

TAG: viaggi

Lascia un commento